La volatilità dei mercati e le opzioni binarie

Pubblicato in Opzioni binarie di il 17 aprile 2015 0 Commenti

opzioni binarie mercatiTutte le informazioni necessarie per capire il fenomeno della volatilità nei mercati, applicandolo alle giuste mosse di trading in opzioni binarie. E’ questo l’obiettivo della nostra guida, dove andremo a riportare prima di tutto il significato vero e proprio di questa importante proprietà, per poi capire come ci può essere d’aiuto (grazie all’uso delle migliori strategie) per scovare il momento giusto in cui un investitore dovrebbe prendere in considerazione un determinato mercato piuttosto che un altro.

La volatilità nei mercati, conoscenze di base sul fenomeno

In economia, l’indice di volatilità rappresenta il grado di variazione che caratterizza l’evoluzione dei prezzi nell’arco di tempo considerato. In altri termini, questo valore è direttamente proporzionale agli aumenti o alle diminuzioni di prezzo dell’asset considerato, perciò sarà elevato quando avremo a che fare con picchi nel grafico a rialzo oppure a ribasso. Questo indice è dunque molto interessante per gli investitori, che in ogni istante controllano il suo sviluppo sui mercati considerati, traendo conclusioni riguardo la convenienza di fare o meno ordini su un asset anziché un altro. Di seguito, vi illustreremo quali sono gli strumenti a disposizione degli investitori che vogliono sfruttare la volatilità nei mercati per fare trading strategico in opzioni binarie.

Volatilità implicita e storica

Prima di tutto, è necessario fare attenzione alla differenza tra volatilità storica e volatilità implicita. Nel primo caso si vanno a controllare le variazioni significative che ha avuto in passato il nostro asset e generalmente questa tipologia torna utile quando abbiamo delle informazioni di natura politico/economica che riteniamo valide ai fini dell’influenza sul mercato, così grazie alla volatilità storica ci è possibile condurre un’analisi dove a giocare un ruolo importante saranno i cambiamenti passati a seguito di un fenomeno simile. La volatilità implicita è invece la forma più studiata, alla quale si può ricorrere più spesso perché si riferisce alle ultime variazioni di prezzo dell’asset, da studiare per prevedere i prossimi sviluppi anche quando non abbiamo particolari informazioni dal calendario economico.

Bande di Bollinger, strategie di supporto alla volatilità nelle opzioni binarie

Nel campo delle opzioni binarie, come abbiamo visto è molto utile farsi un’idea chiara riguardo la volatilità nei mercati a nostra disposizione. Questo perché molto spesso i broker rendono accessibili una vasta quantità di asset, portandoci all’imbarazzo nella scelta che può essere limitato al minimo indispensabile proprio dalla volatilità. E questo indice è la base portante della strategia delle Bande di Bollinger, la cui rappresentazione grafica è disponibile presso i migliori servizi di trading in opzioni binarie.

Investire con le Bande di Bollinger è semplice e richiede soltanto la conoscenza di alcune basi. Questo metodo offre all’utente la possibilità di confrontare i vari mercati sul fronte della volatilità, in modo da scovare al primo impatto visivo dove essa è maggiore e dove conviene perciò andare ad investire. Quando vi troverete di fronte un grafico di questo tipo, sappiate che più le tre curve (bande) sono distaccate tra loro e maggiore è l’indice di volatilità in quella fase temporale, mentre al contrario la vicinanza testimonia un periodo in cui non si prevedono investimenti redditizi in quell’asset.

La volatilità con i supporti e resistenze

Anche la strategia dei supporti e resistenze offre una grande mano agli investitori che cercano il mercato con un elevato grado di volatilità. Prima è necessario capire qual è il meccanismo per interpretare il grafico, sapendo che un supporto è un arresto momentaneo dopo una fase di rialzo del valore, mentre al contrario una resistenza si verifica quando il calo di valore ha un arresto. L’indicatore che collega le nozioni di supporti e resistenze all’indice di volatilità è l’RSI, che ci consiglia di acquistare opzioni binarie di tipo put quando il segnale di ipercomprato è molto accentuato e ci troviamo vicini ad una resistenza nel grafico, mentre opzioni call vengono scelte in una situazione di ipervenduto in cui stiamo per incontrare un punto di supporto. Così, come abbiamo visto, anche quest’altra strategia di trading binario va a nozze con la volatilità nei mercati, dandoci importanti consigli sugli investimenti da effettuare nel breve periodo.

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *